A Noto sinestesia, ricerca e sperimentazione

Giovedì 11 aprile, a Noto, presso la chiesa di San Carlo, si è tenuto l’evento “Sinestesia. Ricerca e Sperimentazione”, coordinato dal prof. Michele Romano e organizzato all’interno della manifestazione “Nei Luoghi della Bellezza” curata da Luisa Mazza.

Quest’evento ha visto coinvolti il Liceo Musicale di Siracusa Tommaso Gargallo” con l’esibizione dell’Ensemble di archi diretto dal Maestro Mario Licciardello, musicisti, Alessandro Alfano, Matteo Briganti, Luca Favorito, Nicolò Incatasciato, Maya Giulia Macaluso, Lucia Maria Rizza, Siria Tito, e il Liceo Artistico di Noto “Matteo Raeli”, con interventi d’arte a cura dei proff. Carmela Cirinnà e Paolo Vendetti, con le allieve Rita Caruso, Mariacristina Civello, Aurora Di Raimondo, Miriam Micieli.

Ha introdotto la manifestazione il prof. Michele Romano facendo dapprima riferimento al concetto di sinestesia, intesa, in questa esibizione, come l’unione tra musica e arte. Lo studioso ha descritto la chiesa di San Carlo, progettata nel 1730 da Rosario Gagliardi in stile tardo barocco, a tre navate coperta da volta a botte decorata con stucchi e affreschi di Costantino Carasi. Si è soffermato in particolare sui pennacchi della cupola, dove sono rappresentati i quattro Evangelisti, facendo riferimento alla simbologia del Tetramorfo, ovvero al Leone associato a Marco, il bue a Luca, l’angelo a Matteo e infine l’aquila a Giovanni. Gli stessi affreschi dei pennacchi sono stati riprodotti dagli ex allievi del Liceo artistico e sono stati esposti per l’occasione.
Dopo aver fatto riferimento a San Luca Protettore degli aristi e Santa Cecilia protettrice dei musicisti, ha concluso dicendo: “Non è facile accordare lo strumento come non è facile dipingere e accordare i colori”. Successivamente, è intervenuta l’ideatrice dell’evento, Lucia Mazza, che sulla scia del discorso del professore Romano, ha parlato di sinestesia con riferimento all’armonia.

Presente anche il Dirigente Scolastico dott. Concetto Veneziano che ha presentato i due docenti del Liceo Artistico: al professore Paolo Vendetti è spettato il commento relativo ai lavori eseguiti dagli ex allievi riproducenti le figure degli Evangelisti, mentre la professoressa Carmela Cirinnà ha annunciato il lavoro di restauro con acquerelli su tavolette in cui si sono cimentate le alunne. La bellissima performance si è svolta sotto gli occhi attenti degli intervenuti. Le allieve, in camice bianco, con sottili pennelli, si sono concentrate sulle preziose tavolette, mentre i musicisti hanno eseguito, con grande maestria, i loro pezzi.
La fastosa cornice della chiesa tardobarocca ha completato l’evento conferendo un’atmosfera magica e particolare al tutto.

Articolo a cura delle allieve Alice Menegatti e Alessia Uccello, classe 3A, Liceo Artistico

 

Precedente Meter Tygater, la storia eterna del rapporto tra una madre e una figlia Successivo Tutti in corteo contro la rifunzionalizzazione della sanità nella zona sud della Sicilia orientale