Mai più violenza, “Dateci il pane ma anche le rose”

MAI PIU’ VIOLENZA, solo un piccolo uomo usa violenza sulle donne per sentirsi grande. La violenza ha mille volti. Impara a riconoscerli!

Giorno 25 novembre2018, alle ore 17:30, Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, l’Amministrazione comunale e la compagnia teatrale “Il Cuore di Argante” hanno organizzato, presso “Sala Gagliardi”, un recital per ricordare le tante vittime di femminicidio.

INTERLUDI. DIALOGO TRA UN VIOLINO FERITO E UNA DONNA OFFESA” è il titolo dell’evento che ha visto alternarsi le voci appassionate e a volte velate di una tragica ironia delle giovani attrici, accompagnate dalle dolci note di un violino.

Le attrici hanno narrato in prima persona le violenze psicologiche e fisiche subite da alcune donne, mettendo in risalto i loro stati d’animo, i loro pensieri: da ogni racconto trapela come la donna, in un primo momento, non si renda conto della gravità degli atti subiti e tenda a giustificare colui che li compie, quasi che la violenza sia di per sé un atto d’amore:

“[…] è l’uomo per me, fatto apposta per me/ E da uomo sa dir parole d’amor”, il leit motiv che ha collegato le varie storie. Infatti, nella maggior parte dei casi, il marito o il compagno violento dichiara di essere pentito e tenta di mascherare il proprio comportamento con dei fiori, una carezza, una parola dolce. Ma “un uomo violento non merita il tuo amore. Merita una denuncia”.

Purtroppo ciò non avviene o perché la donna ha paura delle conseguenze, o perché teme la solitudine e il giudizio degli altri o perchè cerca di proteggere i propri figli e tace.

Coinvolgente l’intervento dalla platea di altre attrici e del regista Giuseppe Spicuglia che hanno scandito frasi contro la violenza di genere e il femminicidio mescolandosi tra un pubblico commosso e partecipe.

La musica ha svolto un ruolo importante: le melodie di un violino e di un pianoforte hanno accompagnato i racconti e scandito il finale con le note della canzone “Bread and roses”, che sottolinea come la donna, in quanto essere umano, abbia il diritto di essere indipendente, amata e rispettata.

Articolo di 
VALERIA FLORIDIA e GAIA PINTALDI (3 A L.Scienze Umane)
ORIANA ALESSIA CELESTE e GIULIA BLANDO (4 A L.Scienze Umane)
GAIA MOLLICA e GIULIA GROPPI (5 A L.Scienze Umane)

Precedente Dormono sulla collina Successivo Siracusa, "Questo non è amore"