Luoghi e respiri della poesia

 

Noto, città barocca, ha ospitato anche quest’anno la manifestazione “Nei Luoghi della Bellezza” curata da Luisa Mazza all’insegna dell’arte, della filosofia, della musica, della poesia e del teatro, svoltasi nella settimana che va dal 2 al 7 maggio.

La giornata di giovedì 3 maggio, in particolare, è stata dedicata alla poesia. Presso il Palazzo Ducezio, infatti, nella Sala degli Specchi, è avvenuto un incontro che prevedeva una discussione intorno a “Le città dell’anima”. Titolo inoltre dell’omonimo libro, il cui editore è Luigi Pellegrini, incui sedici tra i maggiori poeti italiani raccontano le loro città, i luoghi, le persone e le situazioni in cui vivono ricordi, incontri e momenti di ispirazione. Presenti all’incontro vi erano i poeti Tiziano Broggiato, nonché ideatore e curatore del progetto letterario, Antonio Di Mauro e Angelo Scandurra, e il critico letterario Roberto Galaverni.

All’interno del dialogo è stata sottolineata la particolarità e al tempo stesso l’universalità dell’arte, capace di rendere condivisi, concetti estremamente personali. Nucleo del libro è la connessione che c’è tra poesia e luogo. A esso si accosta una definizione di bellezza, vissuta soggettivamente, che un determinato luogo riesce a suscitare nel poeta. Il libro narra di un “tradimento”, che il poeta commette nei confronti della propria realtà nativa, innamorandosi invece, nel corso della propria vita e dei propri viaggi, di altre città. “Vi sono luoghi in cui si nasce”, afferma il poeta, “Nel corso della vita, però, si entra poi in contatto con altri luoghi, in cui si rinasce”. Ciononostante, come Ulisse che ritorna a Itaca, si ritorna sempre nel luogo in cui si è nati. Protagonista, dunque, di questo libro è proprio il luogo: ispiratore della poesia, dei ricordi, delle sensazioni, delle emozioni e dei profumi.

L’intervento è stato concluso dall’editore Alfio Grasso e dal concerto dell’Orchestra “Gli archi del Gargallo” diretta dal Maestro Danilo Pistone.

 

Valeria Dimartino, Isabella Bellini, Carlotta Zocco

Liceo Classico A. Di Rudinì

 

 


Precedente Noto, Delfini e Clown - Un giorno senza sorriso è un giorno perso Successivo Il mondo che vorrei