“Introspezioni”, a Noto la mostra fotografica di Corrado La Licata

 

Venerdì 10 Maggio, nelle bellissime sale del ristorante Tannur, l’artista netino Corrado La Licata ha presentato ad un pubblico attento e competente la mostra fotografica “Introspezioni.

Il giovane fotografo ha voluto chiarire, innanzitutto, il significato racchiuso nel titolo della mostra: “La fotografia non è qualcosa di costruito né si tratta di trovare il paesaggio perfetto e immortalarlo. Non sono io a scattare la foto, ma è la foto a chiamare me. Le immagini esposte non rappresentano solo dei bei paesaggi, ma esprimono quello che sono io. Per questo ho scelto di chiamare questa raccolta Introspezioni perché ciascuno dei miei scatti racconta una storia, che deriva da un’attenta e scrupolosa analisi di me stesso”.
Ha continuato, quindi, a dialogare con il pubblico rivelando che tra tutti gli scatti, quello che più lo rappresenta è la foto del  “Cormorano”, laddove un magico gioco di luci crea un’atmosfera di pura poesia. Tuttavia ha scelto come immagine di copertina la foto di una sedia vuota, posta sulla riva del mare e rivolta verso l’infinito perché  più ricca di significato.

L’artista ha sottolineato come la sedia esprima vari significati: innanzitutto rappresenta un punto fisso in mezzo al movimento creato dalle onde del mare, inoltre porta inconsciamente lo spettatore a chiedersi chi sia stato seduto in passato su quella sedia con lo sguardo rivolto verso l’immensità.

La mostra ha suscitato grande interesse e stimolato riflessioni ed emozioni in tutti gli astanti:  anche prescindendo dalla bellezza vibrante delle immagini, esse trasmettono un’idilliaca delicatezza di sentimenti, incorniciata dai meravigliosi paesaggi siculi.
Gli scatti di Corrado La Licata costituiscono un omaggio alla Sicilia e proprio per questa ragione ritraggono dei luoghi caratteristici del territorio, come la Scala dei Turchi, gli Scogli Bianchi, le dune di Santa Maria del Focallo e l’Isola delle Correnti.

Non resta che ringraziare e complimentarsi con il giovane artista per la splendida opportunità regalataci.

Articolo di Elena Grippaldi e Marika Patti Di Mauro
III A Liceo Classico

Precedente L'Infiorata è integrazione: il bozzetto floreale dei ragazzi di "casa Tobia" Successivo Picasso, Balla, De Chirico, Kandinskij, Dalì, Mirò? L’impossibile è (a) Noto!