INFIORATA 2017: sogni e colori del Principato di Monaco

 

Come ogni anno, sin dal 1980, la città di Noto, capitale del Barocco europeo e patrimonio dell’Unesco ospita, lungo la via del palazzo Nicolaci, ricco di fastosi balconi, il tappeto floreale dell’Infiorata.

Quest’anno la XXXVIII edizione è dedicata al Principato di Monaco. In questi giorni, in città, si respira un’ aria allegra e gioiosa, che porta il sorriso sul volto dei netini i quali, per tre giorni, si trovano coinvolti in spettacoli e manifestazioni di vario tipo.

Nella notte tra il venerdì ed il sabato, la città si veste di colori, grazie alla partecipazione di varie associazioni e scuole: “ Petali d’arte”, “Maestri Infioratori”, “Perla del Sud”, “Opificio 4”, Accademia delle belle arti “ di Reggio Calabria, “CulturArte”, “Liceo Artistico  Matteo Raeli “ di Noto, che decorano con petali ed altro materiale i disegni realizzati, i cui bozzetti richiedono molte ore di lavoro, che termina alle prime luci del sabato.

Il 20 e il 21 maggio, oltre la via Nicolaci ormai vestita a festa, vi sono altre vie del centro storico ad arricchirsi di stand e mercatini, nei quali è possibile gustare le prelibatezze della zona ed acquistare oggetti tipici.

L’intrattenimento dei visitatori spetta a gruppi di artisti di strada, che popolano il Corso e che, attraverso giochi di prestigio e spettacoli musicali , rendono ancor più magica l’atmosfera.

Domenica 21 maggio, giornata conclusiva dell’evento, il corteo barocco vede sfilare uomini, donne e bambini nelle vesti di dame e cavalieri, indossando abiti tipici dell’epoca settecentesca.

Il corteo inizia “al piano alto”, parte più alta della città, e termina in piazza Municipio, dove le dame in compagnia dei cavalieri danzano sulle note della musica barocca.

Infine la sera, per chiudere l’evento in bellezza, è possibile assistere allo spettacolo di luci tenuto in cattedrale, per iniziativa dell’Amministrazione Comunale.

Il lunedì è l’ultima giornata in cui si può ancora ammirare il vasto tappeto floreale, che durante la sera potrà essere calpestato dai visitatori e che verrà rimosso la mattina del giorno seguente.

L’evento ha riscosso, fin dalla prima edizione, un grande successo a livello mondiale. Per tale motivo quest’anno, come tutti gli anni, la città ha visto la partecipazione di turisti sin dalla settimana precedente all’evento.

L’edizione del 2018 sarà dedicata ad un Paese asiatico: la Cina.

 Giulia Groppi, Gaia Mollica

Liceo delle Scienze Umane

Rebecca Alderuccio

Liceo Classico “ A. Di Rudinì”

Precedente In giro per mostre… Successivo INTERVISTA A LUIGI TABITA - Dialogo sui colori della sessualità: gender a confronto