Il mondo che vorrei

Un’atmosfera gioiosa e colorata ha pervaso Piazza Municipio a Noto Venerdì 5 Maggio 2017 in occasione della manifestazione “Con l’UNICEF…Verso cieli azzurri”. Il quinto appuntamento dell’evento “Nei luoghi della bellezza” curato da Luisa Mazza ha coinvolto la vivacità degli alunni degli istituti comprensivi di Noto, il presidente dell’UNICEF in visita nella città barocca e l’accompagnamento musicale dell’orchestra del liceo “Gargallo” di Siracusa. Hanno preso parte anche i ragazzi del lab-oratorio teatrale del Sacro Cuore e tutti i partecipanti sono stati accomunati dal nobile intento di far riflettere attraverso la musica e il teatro su temi di fondamentale importanza, quali la solidarietà e il valore del dono, messi in crisi dalla società odierna. L’evento ha avuto inizio alle ore 11.00 presso la Porta Reale con un’immagine entusiasmante: un corteo costituito dalle scuole di Noto e dall’orchestra dei fiati in prima linea ha marciato solennemente fino alla scalinata della cattedrale illuminata dai colori di speranza, di pace e di amore dei disegni dei piccoli studenti. Qui la presentatrice Grazia Calanna ha dato il benvenuto a tutti gli spettatori con forte vitalità e ha introdotto la banda diretta dal maestro Giovanni Uccello. Sono stati eseguiti tre brani portatori di messaggi significativi, esposti dallo stesso direttore. “La vita è bella”, colonna sonora dell’omonimo film con Roberto Benigni, è stata la melodia per la non-violenza e l’uguaglianza degli uomini indipendentemente dalle proprie origini. A seguire, è stato suonato “Concerto per amore”, che attraverso le note ha espresso la volontà di un mondo ideale privo di guerra, ispirazione del compositore. Per concludere, “We are the champions” ha rappresentato un inno all’unione. Dopo la prima esibizione il discorso del presidente dell’associazione UNICEF ha costituito un momento di riflessione sul significato della parola “solidarietà”. Per il dott. Giacomo Guerrera vuol dire conoscere l’altro e le sue necessità, soprattutto avvicinandosi a chi è costretto ad abbandonare la propria patria, spinto dalla fame o dalla guerra. Proseguendo, il presidente ha espresso gratitudine nei confronti dell’intera comunità raccolta per la celebrazione, esempio di una società consapevole. Ha posto velocemente i suoi ringraziamenti anche la dott.ssa Carmela Pace, consigliera nazionale UNICEF, per poi lasciare spazio alle esibizioni canore. Si sono esibite le voci degli istituti comprensivi “F.Maiore”, “G.Melodia” e “G. Aurispa”, sulle note de “Il mondo che vorrei” di Laura Pausini e di “Vivere a colori” di Alessandra Amoroso. I bambini con la loro giovane sensibilità si sono rivelati i veri protagonisti dell’evento. Successivamente i ragazzi del lab-oratorio teatrale Sacro Cuore hanno coinvolto tutti con i colori e l’energia del musical “Hook – Capitan Uncino” e con la storia senza tempo dell’ “eterno fanciullo”. Al termine della rappresentazione il saluto finale della kermesse è stato affidato al lancio di palloncini bianchi, che salendo in cielo hanno suggestivamente simboleggiato la grande speranza per un mondo migliore affidato alle nuove generazioni.

Giorgio Aruta, Carlotta Zocco
Liceo Classico A. Di Rudinì

 

Precedente Luoghi e respiri della poesia Successivo In giro per mostre…