Il Matteo Raeli in prima linea nella prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili

E’ iniziata ieri, lunedì 25 novembre, e terminerà domenica 1 dicembre, in Sicilia, la settimana dedicata alla prevenzione delle infezioni sessualmente trasmissibili (IST).

L’iniziativa, promossa dall’Assessorato Regionale della Salute, in collaborazione con le Asp di tutta la Sicilia, prevede una campagna di informazione, prevenzione e sensibilizzazione rivolta in particolare ad utenti nella fascia d’età considerata a maggior rischio, quella cioè compresa tra i 18 e i 40 anni.

Nella nostra provincia, destinatari privilegiati del progetto intitolato “Goditi la vita“, siamo noi studentesse e studenti delle classi quarte e quinte di ben otto istituti superiori. Al Matteo Raeli, proprio ieri, sono intervenute in qualità di esperte, la psicologa Serenella Spitale e l’educatrice sanitaria Maddalena Rabbito.

Dall’incontro è emerso che, nonostante i giovani usino Internet in modo massiccio, paradossalmente sono poco o per niente informati sulla reale incidenza di molte malattie sessualmente trasmissibili che, negli ultimi anni, secondo gli allarmanti dati dell’OMS, sono in notevole crescita.

Si tratta di infezioni, a volte pericolosissime, che vanno dalla clamidia alla sifilide, dal papilloma virus all’infezione da Hiv, solo per citarne alcune. E’ stato utile per noi ricevere queste informazioni sulle tipologie di malattie, ma soprattutto sui comportamenti corretti da adottare, primo fra tutti, l’uso del preservativo finalizzato ad evitare il contagio.

Per chi volesse sottoporsi ai controlli, oltre alla possibilità di recarsi al reparto malattie infettive dell’Ospedale Umberto I di Siracusa, l’Asp metterà a disposizione delle scuole coinvolte un’unità mobile. Il giorno fissato per il Matteo Raeli è il 28 novembre p.v. Noi coglieremo l’occasione, superando ogni forma di imbarazzo, perché riteniamo sia un nostro preciso dovere salvaguardare il bene più prezioso che abbiamo: la salute!

Articolo realizzato dagli studenti della VA Turistico

Precedente Cosa ci raccontano le Madri Costituenti Successivo L'isola ecologica a scuola, firmato il protocollo tra il Comune di Noto e il "Matteo Raeli"