Il denaro come simbolo della società: le parole chiave della prof.ssa Angela Condello

Dal baratto al bitcoin, a Kairós la conferenza della professoressa Angela Condello dell’Università di Torino.

Nel pomeriggio di sabato 6 aprile 2019, si è svolta, presso l’elegante Sala Gagliardi di Palazzo Trigona, una conferenza dal titolo Il denaro come simbolo della società: parole chiave. Relatrice di turno, la prof.ssa Angela Condello.

L’evento, inserito all’interno del festival  Kairós, è stato introdotto dal prof. Paolo Randazzo, seguito dalla presentazione del prof. Vincenzo Filetti che ha messo in rilievo il ricco curriculum della Condello, docente presso il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Torino, co-autrice del libro Il denaro e i suoi inganni. Alcuni alunni dell’Istituto di Istruzione Superiore “Matteo Raeli” di Noto hanno assistito attivamente, ponendo domande che la stessa relatrice ha ritenuto di grande interesse per gli spunti offerti.

L’incontro è servito a far luce su alcuni aspetti del denaro, del valore “oggettivo” e “soggettivo” che può assumere e di come dallo scambio di beni, cioè dal baratto, si sia passato ai così detti “soldi”, materiali o virtuali, come il “bitcoin”. Questi aspetti sono stati esposti dalla prof.ssa Condello, secondo due linee di pensiero, quelle di Ferraris e Searle, filosofi di fama internazionale, autori principali del testo Il denaro e i suoi inganni: “Il denaro, secondo costoro, è un simbolo, uno strumento della società a cui abbiamo assegnato un valore preciso, uguale per chiunque, sia nel nostro collettivo che nelle varie comunità di tutto il mondo e che quindi rappresenta una delle fondamentali basi della vita civile“. La professoressa ha inoltre evidenziato come, al giorno d’oggi, la moneta sia stata smaterializzata perché resa anche virtuale, sistema che ha generato nuovi metodi di pagamento e, conseguentemente, nuove modalità nel tessere rapporti tra più individui.

Grazie alla partecipazione di ragazzi, professori, dirigenti scolastici, in carica e non, e alle varie competenze delle quali si è dialogato, si è potuto discutere del tema in oggetto con genuino interesse, evidenziando anche punti di vista divergenti hanno piacevolmente animato il dibattito.

Articolo a cura di:
Cannarella Maria – Di Raimondo Aurora – Interlando Dario – Micieli Miriam
classi 3A e 3 B del Liceo Artistico

Precedente Quali politiche economiche? Risponde il prof. Mario Adorno Successivo Meter Tygater, la storia eterna del rapporto tra una madre e una figlia