Come diventare giornalisti. I consigli di Alessandra Brafa e Ottavio Gintoli

Al via i laboratori di scrittura giornalistica nell’ambito del progetto Comunicazione e Informazione del Matteo Raeli.

Studenti e studentesse a lezione di giornalismo con gli esperti Alessandra Brafa e Ottavio Gintoli. Questa è una tra le grandi novità della quarta edizione dell’ambizioso progetto dell’istituto netino che, da quest’anno, propone laboratori didattici di scrittura giornalistica aperti agli studenti dei diversi plessi. Il primo appuntamento, tenutosi venerdì 6 dicembre nell’aula informatica di Via Platone, è stato rivolto alla “redazione” della scuola impegnata nei mesi di dicembre e gennaio, ovvero, gli alunni della IIIA del Liceo Artistico e le alunne della VA, indirizzo Turistico.

I due esperti hanno condotto il laboratorio alternando la fase teorica a quella pratica, passando in rassegna articoli già pubblicati per avviare un’attenta riflessione sulle criticità riscontrate e dando consigli per rendere la scrittura più efficace.

giornalisti – commentano soddisfatti gli studenti in “formazione”– ci hanno messo nelle condizioni di analizzare gli articoli in modo critico, evidenziandone i punti di forza e i punti di debolezza. Per realizzare un buon servizio giornalistico, è necessario seguire una serie di regole che vanno dalla correttezza formale alla sinteticità del testo, dalla chiarezza delle foto al modo giusto di selezionare e inviare il materiale prodotto. Suggerimenti preziosi che ci consentiranno di progredire in questo appassionante percorso iniziato quattro anni fa”.

L’incontro è stato aperto dal saluto benaugurale del dirigente scolastico Concetto Veneziano che ha ricordato la “valenza trasversale del progetto che oltre a permettere di conoscere il nostro territorio e vivere attivamente gli eventi culturali, contribuisce a potenziare le competenze comunicative e di cittadinanza, anche attraverso un uso più consapevole della rete“.

Non solo reporter a caccia di notizie, dunque, ma soprattutto cittadini desiderosi di essere protagonisti del nostro spazio e del nostro tempo!

Articolo a cura della VA Indirizzo Turistico
Photo credits IIIA Liceo Artistico

Precedente Restituire Arte è restituire cuore: la lezione di Antonio Presti Successivo Contro il progresso, la dissacrante riflessione di Esteve Soler sulla contemporaneità