BENVENUTI! Tappeti non Muri, il workshop con Jonida Xherri

Le classi IVA e IVB del Liceo Scientifico e IVA del Liceo Scienze Umane del “Matteo Raeli” di Noto coinvolte dall’artista Jonida Xherria nel progetto “Benvenuti”, nell’ambito di Bridge Art – Tenuta La Favola.

Nei mesi di gennaio e febbraio, diversi gruppi della città hanno lavorato alla costruzione di un tappeto attraverso la realizzazione di treccine con fili di lana (il filo come unione di confini), che l’artista albanese Jonida Xherria ha poi montato in modo da rappresentare soggetti proposti dalle/dai partecipanti stessi e relativi al tema dell’accoglienza.

Il tappeto, usato in tante attività giornaliere, diventa punto di incontro, di accoglienza e di scambio tra le varie persone che vivono nella società.

Lo scambio e l’incontro sono iniziati già da quando si è cominciato a costruire il tappeto, fino a quando, accomodandosi sui tappeti realizzati, è stata vissuta l’opera.

Nelle diverse fasi, a scuola, in piazza XVI maggio e alla presentazione conclusiva, noi ragazze e ragazzi del “Matteo Raeli” – commentano gli studenti al termine della preziosa esperienza– abbiamo potuto approfondire le tematiche del progetto Erasmus+ D.I.A.L.O.G. e sperimentare che se i confini sono muri verticali, i tappeti sono delle basi orizzontali che favoriscono il dialogo“.

Articolo di Roberto Celestri – IVA Liceo Scientifico, Giorgio Colombo – Davide Licitra – Simone Pintaldi IVB Liceo Scientifico

 

Precedente Il maestro della fotografia Dino Ignani racconta Noto con un clic Successivo Siciliani: istruzioni per l’uso! Scherzose e brevi tracce di sicilianità