Al via la III edizione del Progetto “Comunicazione e Informazione”

Venerdì 16 novembre al Matteo Raeli l’apertura del progetto di successo giunto alla sua III edizione. Tra le importanti novità di quest’anno la collaborazione con Bufale.net.

Venerdì 16 novembre, a Noto, nell’Aula Magna del Carnilivari si è tenuto il primo incontro del progetto “Comunicazione e Informazione” 2018/19, nato dall’intesa tra l’Amministrazione Comunale, l’Assessorato alla Cultura e l’I.I.S “Matteo Raeli” di Noto.

Numeroso il gruppo di studentesse e studenti di tutti gli indirizzi, accompagnati dalle rispettive docenti tutor, a cui la prof.ssa Corrada Fatale, referente del progetto, ha rivolto il benvenuto, sottolineando la valenza dell’iniziativa e gli importanti risultati già ottenuti nelle precedenti edizioni.

La dott.ssa Sabina Pangallo, ideatrice del progetto, ne ha poi illustrato l’articolazione che prevede una prima fase formativa ed un’altra propriamente operativa in cui i vari indirizzi si alterneranno nella redazione. Grande entusiasmo ha suscitato nei presenti la scelta del percorso di quest’anno: imparare a smascherare le fake news, in collaborazione con la pagina web bufale.net, i cui operatori incontreranno studentesse/i nella fase formativa.

Particolarmente illuminante poi l’intervento della giornalista Alessandra Brafa, coordinatrice delle attività della redazione, che ha illustrato gli obiettivi prioritari del progetto: l’apprendimento delle tecniche di comunicazione sui social e di scrittura giornalistica; la conoscenza delle modalità di formazione di aspiranti “giornalisti” attivi e coinvolti sul piano sociale, politico e culturale della città; la consapevolezza etica del giornalista che impone una divulgazione corretta e documentata delle notizie.

Il gruppo ha raccolto questa nuova sfida con grande interesse, grazie anche all’empatia creatasi subito tra relatori e ragazzi: ingrediente essenziale per un proficuo lavoro di squadra!

Articolo di Baglieri Dalila, Carlotta Caruso, Nicoletta Fiore (VA Liceo Scientifico)

Precedente Tea Ranno incontra il pubblico netino Successivo Dormono sulla collina