9 maggio, il Raeli festeggia un compleanno speciale. Auguri, Europa!

Il 9 maggio scorso l’Istituto di Istruzione Superiore “M.Raeli” di Noto ha celebrato per la prima volta la Giornata dell’Europa.

L’iniziativa  è stata  pianificata  nell’ambito del Progetto ERASMUSPLUS KA2 -“D.I.A.L.O.G”, che intende sviluppare tra i nostri giovani, le loro famiglie e la comunità locale la cultura dell’accoglienza, della solidarietà e del dialogo, in particolare con i migranti, che sono numerosi nel territorio, nonché di promuovere il senso di cittadinanza europea.

La celebrazione si è svolta durante il II Meeting del Progetto, tenutosi a Noto dal 7 all’11 maggio, e che ha visto la partecipazione di studenti e docenti degli istituti scolastici partner: il III Liceum Ogólnokształcące  Gdyni – Polonia, il  Lycée professionnel GALILEE di Parigi – Francia, la scuola “Etimesgut Şehit Kaymakam Muhammed Fatih Safitürk Anadolu İmam Hatip” di Ankara, Turchia.

L’evento è stato realizzato grazie alla collaborazione dei docenti impegnati nel progetto, la prof.ssa Maria Rizza (coordinatrice del progetto) e le professoresse  Elinpaola Murè, Corrada Gallo ed Elena Novara, del Dirigente Scolastico Dott. Concetto Veneziano, degli assessori Franky Terranova e Giusy Solerte e del Sindaco Corrado Bonfanti che hanno reso possibile la presenza dell’eurodeputato Dott. Giovanni La Via.

La mattina del 9 Maggio, gli studenti dei Paesi partner hanno collocato sulle scalinate della Cattedrale otto tele provenienti da Bruxelles dipinte in diversi Paesi. Le tele, poste quasi a formare un  unico manifesto ricco di colori, sentimenti e profondi significati, hanno rappresentato il motto dell’Unione Europea: “Uniti nella diversità“, secondo il progetto promosso dall’artista belga Fabienne Liébecq, presente all’evento.

Successivamente gli studenti, guidati dalla prof.ssa Giusy Fortuna, e alla presenza delle autorità intervenute hanno cantato, sulla scalinata di Palazzo Ducezio, l’Inno alla gioia in italiano, francese e polacco.

La celebrazione della giornata è continuata alla presenza di tutti i partecipanti presso Sala Gagliardi di Noto dove, dopo i saluti del dirigente scolastico Veneziano, del Sindaco Bonfanti e del dirigente scolastico dell’Istituto Galilee di Parigi, Monsieur Retail, è intervenuto il dott. Giovanni La Via come “ambasciatore” dell’Europa.

Rivolgendosi ai giovani, l’eurodeputato ha ricordato il valore della nascita dell’Europa. Il 9 maggio 1950 Robert Schuman, uno dei padri fondatori dell’Europa, firmò a Parigi la Dichiarazione Schuman, che rappresenta il punto di partenza del processo di integrazione europea. Superando le rivalità storiche tra Francia e Germania, legate anche alla produzione di carbone ed acciaio, si sperava di evitare le guerre e di garantire una pace duratura. Da allora sono quasi trascorsi settant’anni caratterizzati da pace, crescita economica, prosperità, benessere e stabilità.

La Via ha ricordato che in Europa non c’è mai stato nei secoli scorsi un periodo così lungo senza guerre. Noi non conosciamo le guerre che invece affliggono i Paesi intorno all’Europa.
Ma l’Europa ha anche un costo economico per sostenere i Paesi più poveri nel loro processo di sviluppo al fine di ridurre le differenze sociali tra i Paesi europei. L’eurodeputato ha, infine, presentato in modo chiaro e puntuale vari esempi sui vantaggi per gli Stati membri dell’Unione Europea in un mondo globalizzato, evidenziando il fatto che c’è ancora molto da fare per essere una vera realtà. Anche il problema migratorio necessita di essere affrontato da tutti gli Stati insieme.

“Il futuro dell’Europa, ha concluso l’onorevole, non sta nel tornare indietro o nel costruire muri, bensì nel costruire insieme“.

 

.
 

 

 

Precedente Il nostro viaggio in Oriente: sguardi personali tra arte, colori, cultura Successivo ASL, la cerimonia conclusiva con finale a sorpresa fa il pieno di pubblico e consensi